Il cardiologo: con dolore al torace recarsi subito all’ospedale più vicino




I consigli su come comportarsi se si sospetta un attacco di cuore.
L'infarto può essere grave anche se il dolore non è forte.
Maggiori rischi nei primi minuti


Il cantante Pino Daniele è morto, con tutta probabilità per un infarto, nella notte tra domenica 4 e lunedì 5 gennaio all'ospedale Sant’Eugenio di Roma.

Le ultime ore di Pino Daniele

Nel ricostruire la dinamica dei suoi ultimi momenti di vita emerge come Pino Daniele si sia sentito male a cena, nel suo podere isolato nelle campagne tra i comuni di Magliano e Orbetello (Grosseto), in Maremma. Chiamata l’ambulanza, il cantante avrebbe deciso di recarsi in auto fino a Roma per essere visitato dal suo cardiologo di fiducia. L’ambulanza, raccontano dall’Asl di Grosseto, è stata quindi rimandata indietro quando stava arrivando a casa dell’artista. Pino Daniele è giunto all’ospedale romano in condizioni disperate ed è morto dopo un breve tentativo di rianimazione. Il cantante da tempo soffriva di cuore e aveva dei bypass.

I consigli del cardiologo
Le malattie cardiovascolari in Italia sono la prima causa di morte per uomini e per donne.
Il professor Filippo Crea, direttore del Dipartimento di Scienze Cardiovascolari del Policlinico Gemelli di Roma, ci offre qualche consiglio per le persone che si trovino a sospettare un attacco cardiaco o un episodio coronarico in corso.

Cosa bisogna fare nel caso ci si senta male?
«In presenza di dolore al torace il primo consiglio è sempre quello di recarsi all’ospedale più vicino».

Meglio andare in ospedale in auto o chiamare un'ambulanza?
«L'importante è la rapidità: ci si può muovere in auto se non si riesce a chiamare un'ambulanza, dove comunque si è più tutelati in caso di arresto cardiaco. Bisogna però sapere che il rischio di conseguenze gravi c'è soprattutto nei primi minuti che seguono i sintomi e che la gravità di un infarto non dipende dall'intensità del dolore, quindi occorre prudenza».

Quali sono i sintomi tipici di un attacco di cuore?
«Possono variare notevolmente, i più tipici sono un dolore (più o meno acuto) dietro lo sterno al centro o a sinistra o a destra, che si può diramare al braccio sinistro (ma anche al destro o a entrambi) - GUARDA - . È come una mano che preme, anche se non è forte non passa inosservato. Sintomi più rari sono dolore allo stomaco, alla gola, alle braccia».
I cardiopatici sono facilitati nel riconoscere i sintomi rispetto a chi non ha mai avuto un infarto?
«Certamente chi ha già avuto nella vita un episodio coronarico riconosce il tipo di dolore più prontamente di chi non ha familiarità con questi problemi».
Ultimo aggiornamento il Gennaio 31, 1:14 pm da Mauro Di Marino.
Gli orari sono GMT +2. Ora attuale: 11:01 pm.